MOLL SYSTEM

Max Camerette

SCRIVANIE MOLL SYSTEM TORINO – SCRIVANIE ERGONOMICHE
SCRIVANIE E ACCESSORI ERGONOMICI
SCUOLA – CASA – LAVORO

Ai bambini piace molto muoversi, ciò sta nella loro natura. Essi si muovono per gioia, divertimento e vivacità, inoltre, ciò risveglia in loro anche stimoli mentali ed emozionali, che accompagnano le loro diverse fasi di sviluppo.
La mancanza di movimento invece è un fattore che costituisce la causa di diverse disfunzioni di sviluppo. I bambini acquisiscono esperienze su sé stessi con il movimento: Essi imparano a conoscere le loro capacità, a valutarsi nella loro persona e sviluppano con ciò premesse fondamentali per la loro sicurezza, la fiducia in sé ed imparano così a vivere sicuri insieme agli altri.

Pertanto, in ogni fase di sviluppo si dovrebbe osservare quanto segue: la prima possibilità di comunicare per un poppante sono ad esempio i suoni, ai quali reagisce gioiosamente sgambettando.
Correre, arrampicarsi, dondolare e anche scorrazzare, per i bambini piccoli, ma anche per gli scolaretti, questi atteggiamenti rappresentano un significato importantissimo, anche dal punto di vista psicologico d’apprendimento: con una mobilità sempre più crescente il bambino può apprendere una maggiore sicurezza ed autonomia; esso può così esplorare e quindi comprendere il suo ambiente.
Il movimento degli adolescenti rappresenta un importante carattere sociale: essi possono misurarsi con i loro coetanei, provare le loro capacità e sviluppare tolleranza e riguardo, ma anche incorrere a conflitti con il prossimo.

È proprio per questo motivo che dobbiamo particolarmente assistere i nostri adolescenti durante i primi 11 fino 12 anni d’età, affinché si stimoli il loro bisogno basilare di muoversi. Infatti, il movimento è il principio basilare di un essere umano durante la fase della sua evoluzione fisica, ma anche di quella mentale e psichica.
Anche per i bambini sedere fa parte della vita quotidiana, durante la scuola o nel tempo libero. Ma qui molto spesso non ci accorgiamo che da loro pretendiamo stiano a sedere su mobili che non corrispondono alla loro grandezza corporea. Le combinazioni di sedie e tavoli per la scuola e il tempo libero dovrebbero pienamente corrispondere alla grandezza corporea del bambino o dell’adolescente. Inoltre, dovrebbero essere presenti delle possibilità funzionali di regolazione ed adattamento, affinché sia garantita una crescita sana dei bambini e degli adolescenti.

Perciò, nella scelta di mobili adatti, dovreste preferire:
– Una possibilità di regolazione dell’altezza di tavoli e sedie;
– Una possibilità di regolazione in altezza dello schienale della sedia;
– Uno schienale perfettamente adattato alla forma della schiena.

Per regolare l’altezza ottimale della sedia, si consiglia di procedere nel modo seguente:
1) Adattate prima la sedia. L’altezza della sedia deve essere regolata in modo tale che il bordo anteriore del sedile si trovi all’incirca all’altezza della rotula inferiore. L’angolo tra la gamba e il busto deve rimanere leggermente aperto e corrispondere tra 100° e 110° (l’articolazione dell’anca si trova al di sopra dell’articolazione del ginocchio). Ambedue i piedi devono appoggiare sul pavimento. In uno sfruttamento completo della profondità del sedile, il bordo anteriore non deve però comprimere la gamba. Lo schienale deve sostenere la schiena al di sotto delle scapole in posizione rilassata.
2) A questo punto potete individuare l’altezza del tavolo. Le braccia devono rimanere sospese in stato rilassato a fianco del corpo in posizione laterale a sedere. Le braccia vengono poi ripiegate di 90°. Le punte dei gomiti adesso si trovano due fino tre centimetri al di sotto del piano del tavolo/bordo anteriore del tavolo.
Per ogni tavolo e sedia della Moll esistono delle rispettive raccomandazioni di registro.
Sedere per lungo tempo ha la conseguenza di un “portamento ripiegato” (il capo viene eccessivamente piegato in avanti, con la conseguenza di contrazioni muscolari nella regione delle spalle e della nuca). Le ricerche di oculisti e ortopedici hanno dimostrato che questo portamento è sempre più spesso la causa per mal di testa nei bambini durante la scuola.

Leggere e scrivere sopra un piano di lavoro inclinato favorisce un portamento eretto del capo e del busto. Per poter mantenere eretto il capo anche durante il lavoro con il personal computer, è necessario che il monitor, la tastiera e il piano di lavoro si trovino in una zona visiva ottimale. A tal fine occorre posizionare rispettivamente il monitor. Qui è particolarmente adatto un tavolo con piano monitor inclinabile ed abbassabile.

Per la scelta di mobili adatti si raccomanda di dare molta importanza a quanto segue:
– Il piano di lavoro deve essere regolabile ed inclinabile (almeno a 16°);
– Il piano del monitor deve essere inclinabile ed abbassabile per l’uso di un personal computer;
– Deve essere presente un piano per la tastiera, che offra abbastanza spazio per appoggiare le mani.

Per un portamento ottimale a sedere si raccomanda quanto segue:
– Piano di lavoro inclinato a 16° – a seconda delle attività del bambino;
– Per l’uso di un personal computer è molto importante un giusto angolo visuale sul monitor: circa 30° rispetto ad una linea orizzontale immaginata;
– Per l’uso di un personal computer è molto importante anche la distanza degli occhi dal monitor: ca. 40 cm fino 50 cm.

La nostra società è molto sedentaria.
Sin dal periodo della scuola elementare i bambini trascorrono in media 9 ore al giorno a sedere. Le sedie di scarsa qualità ed un portamento sbagliato pregiudicano notevolmente lo sviluppo del corpo e della salute.
La salute e il rendimento dipendono inoltre da un sufficiente movimento del corpo. Per questo motivo i bambini dovrebbero avere la possibilità di muoversi svariatamente – possibilmente all’aria fresca. Un continuo cambio del portamento del corpo è una cosa del tutto normale nei bambini, ed è da rincondurre alla voglia di muoversi.

Quando i bambini fanno i loro compiti, stando seduti davanti al personal computer, mentre disegnano o fanno dei lavori di bricolage o altre attività a sedere, è particolarmente importante osservare che:
– Cambino ripetutamente il portamento del loro corpo (perfino ogni 10 minuti, se non lo fanno già spontaneamente);
– Queste attività possono svolgersi in diversi portamenti del corpo: in piedi, seduti, stravaccati, distesi o camminando – finché sono ancora attenti;
– In caso di sintomi di stanchezza sarà opportuna una pausa, ad esempio con degli esercizi di movimento;
– Al giorno abbiano almeno 2 fino 3 ore di movimento intenso (camminare, arrampicarsi, bilanciarsi, saltellare o perfino scatenarsi… ).

Insegnate ai Vostri bambini a svolgere da soli gli esercizi seguenti:
– Inginocchiarsi sopra la sedia sedendo sui talloni
– Sedersi a gambe incrociate sopra la sedia con il piano di lavoro inclinato
– Posizione cavalcioni sopra la sedia girata con il petto appoggiato e il piano di lavoro inclinato
– Sedersi lateralmente sopra la sedia ed appoggiarsi allo schienale
– Posizione raccolta sopra un cuscino rilassante e busto appoggiato
– Leggere distesi sull’addome sopra un cuscino per il petto e i piedi
– Leggere distesi sulla schiena sopra un cuscino per il collo e la colonna vertebrale lombare distendere le gambe sopra il sedile
– Guardare la televisione in posizione cavalcioni / seduti a gambe incrociate sulla poltrona oppure in posizione distesa sul pavimento

L’integrazione dei personal computer e della rete internet a scuola e l’uso durante il tempo libero è diventata ormai uno standard della nostra società. Ma gli effetti collaterali non sono da sottovalutare, in particolare quando le attività con il personal computer diventano monotone e quando si trascura il tempo per il necessario movimento.
Davanti al personal computer si sollecitano particolarmente gli occhi e le orecchie. Ciò che i bambini vedono e sentono stando davanti al personal computer non lo possono toccare con le mani e perciò apprenderlo nel modo naturale. In tal modo si possono trascurare esperienze e sensazioni fisico-sensoriali importantissime per lo sviluppo del corpo, della mente e dell’anima. I bambini dovrebbero comunque familiarizzarsi precocemente con l’impiego ludico del personal computer e dei nuovi media, ma allo stesso tempo dedicarsi costantemente ed armoniosamente al necessario movimento. Gli adulti possono creare ottime condizioni basilari tramite mirati stimoli e svariate occasioni per incitare così i bambini a svolgere le necessarie attività di movimento.

Nell’installazione di un personal computer nella camera dei bambini è particolarmente necessario osservare che:
– I bambini di ogni età facciano abbastanza pause, per muovere il corpo e per trovare un compenso; – Le attività con il personal computer siano assistite da mobili adatti ed ergonomici; insomma, che sia garantito un portamento ottimale a sedere; – Nonostante le interessanti offerte dei media, l’apprendimento e il gioco non diventino una cosa monotona.

Una camera dei bambini dovrebbe essere considerata la loro sfera privata. Perciò, nella progettazione dell’ambiente e nella scelta dei mobili non dovrebbero stare in primo piano soltanto le visioni degli adulti. I bambini devono avere l’opportunità di sviluppare un gusto proprio.
Più che altro l’ambiente dovrebbe essere arredato in mano tale da rendere possibili innumerevoli utilità per i bambini stessi. Quanto più sono piccoli i bambini, tanto più l’arredamento dovrà assimilarsi ad uno spettro che, detto tra noi adulti, tanto per fare gli spiritosi, ci possa sembrare un “”incubo””. I classici mobili per bambini ovvero adolescenti maggiormente sono ingombranti e poco adatti.

Non dimenticate mai:
– I bambini più piccoli hanno bisogno di più spazio per giocare, anziché di generoso spazio di sistemazione;
– Il gusto individuale del Vostro bambino, soprattutto per quel che concerne i colori;
– Le naturali condizioni di luce possono all’occorrenza contribuire notevolmente a creare fonti d’illuminazione appropriate per i tavoli e i piani di lavoro;
– Le rispettive proprietà ergonomiche richieste all’acquisto dei mobili.

Aderite pure alle esigenze dei bambini, nella maggior parte dei casi sono molto meno dispendiose di quel che si pensi:
– Una sbarra rimovibile da applicare fra una robusta intelaiatura di una porta li motiva ad arrampicarvisi e a dondolarvi spontaneamente;
– I materassi ed elementi di gomma piuma corrispondono a parecchie funzioni. Questi possono ad esempio servire per costruire dei rifugi, delle capannine o dei nascondigli, ma sono anche adatti per saltellarvi e rotolarvi sopra e possono perfino essere utilizzati come spazi per sedersi oppure sdraiarsi o come angoli dove accoccolarsi;
– I genitori più coraggiosi fissano dei ganci a carabina alle pareti e al soffitto, per fissarvi ad esempio un’altalena, che deve essere fissata soltanto in un punto e che necessita di poco spazio, o anche una fune per arrampicarsi;
– Da una parete all’altra è per esempio anche possibile applicare una rete per arrampicarsi oppure un’amaca (da rimuovere rapidamente).